software di fatturazione

 

KS FATTURA 

Nuova versione del software di fatturazione più amato
dai lavoratori italiani.
Studiato per professionisti, artigiani e piccole aziende.
Prova ora GRATIS KS Fattura.
Scaricalo subito ne rimarrai soddisfatto!
.
.
SCARICA GRATIS  CARATTERISTICHE 

gestione separata INPS softwareCollaboratori senza Partita IVA, iscritti ad altre gestioni previdenziali, pensionati, autonomi a Partita IVA: tutte le aliquote 2016 per chi è in Gestione Separata INPS.

Salgono le aliquote contributive da versare alla Gestione Separata per collaboratori e figure assimilate senza Partita IVA e per coloro che sono iscritti anche ad altre forme previdenziali, mentre non scatta nessun aumento per gli autonomi a Partita IVA: tutte le aliquote INPS 2016 dovute dalle varie categorie di lavoratori che versano i contributi alla gestione separata sono contenute nella circolare dell’istituto di previdenza 13/2016.  Vediamo tutto.

I più penalizzati dalle aliquote INPS 2016 sono i lavoratori parasubordinati senza partita IVA, per i quali l’aliquota sale al 31,72% (31% + aliquota aggiuntiva 0,72%), un punto percentuale in più rispetto al 30,72% versato nel 2015. La normativa di riferimento èl’articolo 2, comma 57, della legge 92/2012, che prevede incrementi analoghi anche per i prossimi anni: l’aliquota per questa categoria di lavoratori salirà al 32,72% nel 2017 e al 33,72% nel 2018.

Se il lavoratore è iscritto anche a un’altra forma previdenziale oppure è un pensionato, l’aliquota sale in misura inferiore, portandosi al 24% (dal 23,5% del 2015). Attenzione: l’aliquota del 24% si applica a tutti i lavoratori autonomi iscritti ad alla gestione o pensionati, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno la Partita IVA. Il riferimento normativo in questo caso è l’articolo 1, comma 491, della legge 147/2013, (Legge di Stabilità`2014), che ha modificato le precedenti normative portando l’aliquota al 24%.

Gli autonomi a Partita IVA, invece, continueranno nel 2016 a versare il 27,72% già previsto negli anni scorsi, in base a quanto previsto dall’articolo 1, comma 203, della Legge di Stabilità 2016 (208/2015). L’anno prossimo, però, scatterà un aumento di due punti, portando quindi il prelievo contributivo al 29,72%, e nel 2018 scatta l’equiparazione con i collaboratori senza partita IVA, con aliquota al 33,72%.

Come è noto, il contributo alla Gestione Separata è per due terzi a carico dell’azienda e per un terzo a carico del collaboratore. Nel caso dei  collaboratori parasubordinati, ilversamento è comunque effettuato dal datore di lavoro, entro il 16 del mese successivo a quello di effettiva corresponsione del compenso, tramite modello F24 telematico. I liberi professionisti invece versano autonomamente il contributo, sempre utilizzando il modello F24, in sede di versamento delle imposte sui redditi.

Attenzione: in base all’articolo 51 del TUIR, il testo unico delle imposte sui redditi, lesomme corrisposte entro il 12 gennaio si considerano percepite nel periodo di imposta precedente: quindi, nel caso dei collaboratori, a queste somme si applica ancoral’aliquota 2015, pari al 30,72%.

Massimale e minimale restano invariati: il massimale 2016 è pari a 100mila 324 euro (quindi l’aliquota si applica fino al raggiungimento di questo tetto), mentre il minimale è di 15mila 548 euro. Di conseguenza, ecco il contributo minimo annuo per le varie categorie di lavoratori autonomi:

  • aliquota al 24%: contributo minimo 3mila 731,52;
  • aliquota al 27,72%: contributo minimo 4mila 309,91;
  • aliquota al 31,72%: contributo minimo 4mila 931,83.

Infine, c’è una novità tecnica che riguarda il flusso Uniemens: per recepire le novità del Jobs Act (che dal 2015 abolisce i contratti di collaborazione coordinata e continuativa), per individuare i contratti di collaborazione stipulati dal 1° luglio 2015 è stato individuato un nuovo codice “Tipo rapporto“, con le seguenti caratteristiche: tipo rapporto “18“, descrizione “Collaborazioni Coordinate e Continuative, decreto legislativo 81/2015 articolo 52 (Job Act)“.

Novità e comunicati

 Le ultime novità, promozioni, comunicati ....

KS Fattura elettronica. Aggiornamento versione 9.09

KS Fattura. Software di fatturazione in continua evoluzione. Garantiamo l’aggiornamento alla normativa e implementiamo nuove funzioni, queste ultime, frutto dei vostri suggerimenti.  Novità della versione 9.09 Grazie ai Vostri preziosi feedback, consigli e...

leggi tutto

Approfondimenti dal Blog

Software di fatturazione per professionisti e piccole aziende ... tante notizie utili e curiosità dai nostri esperti.

Fattura elettronica lista codici sigle paesi esteri

In fase di registrazione di un cliente/fornitore estero bisogna inserire la sigla del paese Ricordiamo inoltre che l'inserimento di una P.IVA estera deve iniziare con il codice ISO di due caratteri della nazione, es. "DE" per Germania Fattura elettronica...

leggi tutto

come fare fattura elettronica per cliente estero

Per creare l’anagrafica di un cliente con sede estera, residente in un paese Extra UE, ai fini della corretta emissione di una fattura elettronica, bisogna compilare la scheda anagrafica secondo le seguenti regole: Accedere a nuovo soggetto Compilare il...

leggi tutto

Fattura elettronica senza problemi

Una partenza tutto sommato positiva, fattura elettronica senza problemi: niente disagi tecnici con il Sistema di Interscambio (SdI), che ha gestito senza problemi 1,5 milioni di fatture nei solo primi tre giorni del 2019

leggi tutto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi