software di fatturazione

 

KS FATTURA 5

Nuova versione del software di fatturazione più amato
dai lavoratori italiani.
Studiato per professionisti, artigiani e piccole aziende.
Prova ora GRATIS KS Fattura 5.
Scaricalo subito ne rimarrai soddisfatto!
.
.
SCARICA E PROVA GRATIS CARATTERISTICHE  

Lavoro da dipendente e Partita IVA: i casi in cui i due redditi possono coesistere, i contributi INPS da versare e gli obblighi di comunicazione ai datori di lavoro.

professionistiSotto alcune condizioni è possibile avere sia un lavoro dipendente o assimilato che una Partita IVA, percependo quindi una busta paga aziendale ma anche altri redditi derivanti da lavoro autonomo. La scelta di avere un doppio reddito, da dipendente e da autonomo, può derivare ad esempio dalla necessità o dalla volontà di migliorare la propria condizione economica o anche semplicemente dalla possibilità di guadagnare degli extra facendo fruttare una propria passione o un proprio hobby. Indipendentemente dalle motivazioni è un dato di fatto che negli ultimi tempi è aumentato il numero di partite IVA aperte da lavoratori già in possesso di uno stipendio da lavoro dipendente, ma i dubbi sulla coesistenza delle due tipologie di reddito non sono pochi: dal versamento dei contributi INPS, agli obblighi di comunicazione ai datori di lavoro, al cumulo dei redditi.

Dipendente privato
Un dipendente privato può aprire una partita IVA, come ditta individuale/società o come libero professionista, senza problemi di compatibilità, ovvero può aprire una propria attività mantenendo in essere il proprio lavoro alle dipendenze di un’azienda privata a patto che non vi sia concorrenza tra i lavoro svolto come dipendente e quello a partita IVA, se il contratto lo vieta espressamente. Se non vi è esplicito divieto non vi è alcun problema di coesistenza tra le due attività. In generale non vige alcun obbligo di comunicazione al datore di lavoro, anche se è generalmente conveniente informare l’azienda per non incorrere in problematiche che potrebbero portare ad un licenziamento per giusta causa.

Ricordiamo in merito che l’art. 2105 del Codice Civile prevede l’obbligo di fedeltà del lavoratore di non trattare affari, per conto proprio o di terzi, in concorrenza con l’imprenditore, né divulgare notizie attinenti all’organizzazione e ai metodi di produzione dell’impresa, o farne uso in modo da poter recare ad essa pregiudizio. La violazione dell’obbligo di fedeltà costituisce inadempimento contrattuale che dà luogo a responsabilità disciplinare e, nella maggior parte dei casi, integra la giusta causa di licenziamento. Il lavoratore è inoltre tenuto al risarcimento dei danni subiti dal datore di lavoro (Cass. n. 6473/1993).

Versamenti INPS
Per quanto riguarda la contribuzione previdenziale INPS:
in caso di lavoratore dipendente a tempo indeterminato full time (ovvero con almeno 26 ore lavorative settimanali) che avvia un’attività d’impresa commerciale, se è possibile qualificare il lavoro in azienda come prevalente sia in termini di tempo che in termini reddituali (reddito annuo come lavoratore dipendente maggiore del reddito derivante dall’attività commerciale), non è necessaria l’iscrizione alla Gestione commercianti dell’INPS né il versamento di ulteriori contributi. Una volta avviata l’attività l’INPS invierà al lavoratore comunque una comunicazione in merito all’iscrizione del soggetto alla Gestione commercianti, tuttavia sarà sufficiente rispondere spiegando i motivi che prevedono la cancellazione dell’iscrizione e provando l’esistenza del rapporto di lavoro dipendente allegando una copia dell’ultima busta paga percepita.
nel caso di lavoratore dipendente che avvia un’attività da libero professionista, è previsto l’obbligo di iscriversi alla Gestione separata INPS versando il contributo proporzionale del 18%;
in caso di contratto di lavoro a tempo determinato bisogna valutare se complessivamente nel corso dell’anno il periodo trascorso come lavoratore dipendente può essere o meno considerato prevalente rispetto all’attività commerciale esercitata.

Novità e comunicati

 Le ultime novità, promozioni, comunicati ....

KS Fattura elettronica. Aggiornamento versione 9.09

KS Fattura. Software di fatturazione in continua evoluzione. Garantiamo l’aggiornamento alla normativa e implementiamo nuove funzioni, queste ultime, frutto dei vostri suggerimenti.  Novità della versione 9.09 Grazie ai Vostri preziosi feedback, consigli e...

leggi tutto

Approfondimenti dal Blog

Software di fatturazione per professionisti e piccole aziende ... tante notizie utili e curiosità dai nostri esperti.

Fattura elettronica lista codici sigle paesi esteri

In fase di registrazione di un cliente/fornitore estero bisogna inserire la sigla del paese Ricordiamo inoltre che l'inserimento di una P.IVA estera deve iniziare con il codice ISO di due caratteri della nazione, es. "DE" per Germania Fattura elettronica...

leggi tutto

come fare fattura elettronica per cliente estero

Per creare l’anagrafica di un cliente con sede estera, residente in un paese Extra UE, ai fini della corretta emissione di una fattura elettronica, bisogna compilare la scheda anagrafica secondo le seguenti regole: Accedere a nuovo soggetto Compilare il...

leggi tutto

Fattura elettronica senza problemi

Una partenza tutto sommato positiva, fattura elettronica senza problemi: niente disagi tecnici con il Sistema di Interscambio (SdI), che ha gestito senza problemi 1,5 milioni di fatture nei solo primi tre giorni del 2019

leggi tutto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi